Le mille proprietà dei funghi Shiitake

Molto popolari in oriente, dove sono coltivati da secoli su tronchi di quercia, i funghi Shitake (o shiitake) sono ormai reperibili anche in Italia nei negozi di prodotti naturali e nei negozi specializzati in cucina macrobiotica. Disponibili anche freschi, gli shitake si trovano comunemente secchi, importati dal Giappone. Si tratta di funghi piuttosto grandi e carnosi.

Le loro mille proprietà benefiche li fanno annoverare tra i funghi medicinali. Tra le loro strabilianti proprietà curative spiccano in particolare:

  • aiutano il corpo a neutralizzare gli effetti di un consumo eccessivo di sale e di grassi animali.
  • Favoriscono la diuresi eliminando i liquidi in eccesso.
  • Alcune varietà sono state studiate ed hanno dimostrato di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.
  • Per gli importanti nutrienti che contengono, i funghi shiitake stimolano e potenziano il funzionamento del sistema immunitario e favoriscono l’ossigenazione delle cellule.
  • Proprietà antivirali, antibatteriche e antimicotiche. Gli shitake hanno una notevole azione antivirale agendo mediante un particolare polisaccaride sulla moltiplicazione dei mixovirus ad esempio.
  • Sempre per via dei suoi nutrienti gli shitake possono essere utilizzati per trattare periodi di particolare affaticamento psico-fisico. Ne bastano pochi aggiunti alle ricette in quanto agiscono come un vero e proprio integratore naturale.

In un compendio di medicina si legge: “Lo Shiitake accentua l’energia vitale, riduce la fame e il raffreddore”. Per questo motivo le proprietà curative dei funghi shiitake sono assai popolari in Oriente.

Cosa contengono i funghi shitake

I funghi shitake contengono tutti gli aminoacidi essenziali, alcuni allo stato libero, altri sotto forma di proteine. Sono un alimento ricco di glucidi e polisaccaridi; minerali importanti come il potassio, sodio, fosforo, silice, magnesio, alluminio, calcio, zolfo e ferro; importanti vitamine del gruppo B, come la tiamina, riboflavina e la niacina.

Per le loro proprietà, e per un uso più immediato li possiamo trovare in erboristeria in polvere o sotto forma di tavolette da assumere durante la giornata.

Si possono utilizzare anche freschi in svariate ricette, basta metterli in ammollo preventivo in acqua calda per 15-20 minuti, poi togliere loro il gambo (è durissimo) e tagliarli a pezzettini. Dopodiché possono essere aggiunti a zuppe e minestre di verdure.

Sebastiano Chiavazzo – Naturopata

Devi essere loggato per lasciare un commento.