Fame Nervosa – Fame tra i Pasti

Quando avvertiamo spesso il bisogno di mangiare tra un pasto e l’altro (a meno che la distanza non sia superiore al dovuto), quando avvertiamo molta fame in genere con bisogno di mangiare cose dolci o salate (carboidrati), tutto ciò può esser segno di una glicemia non ben regolata. L’eccessivo uso di l’alimenti che contengono zuccheri infatti manda l’organismo in iperglicemia a cui segue un’aumentata secrezione di insulina. L’eccesso di insulina consuma rapidamente gli zuccheri, mandando l’organismo in ipoglicemia con una sensazione di leggera irritazione, bisogno di mangiare frequentemente, preferibilmente cose dolci, e/o sensazione di buco allo stomaco.

Cosa fare nei casi di fame nervosa.

In caso ci si rendesse conto di rientrare nelle situazioni sopracitate di fame nervosa ovvero “fame tra i pasti” è necessario come prima cosa ridurre drasticamente tutti gli alimenti dolci, quindi optare per una prima colazione salata al mattino, infine cercare di evitare la frutta alla sera (salvo quella a ridotto contenuto zuccherino).

I cibi light peggiorano la fame nervosa!

La sensazione di fame tra i pasti è anche favorita dall’uso nella propria dieta di alimenti cosiddetti “light”. Questo genere di alimenti infatti è privata dei nutrienti fondamentali come i grassi. I grassi non solo non fanno ingrassare se grassi “buoni”, ma contribuiscono a dare all’organismo quel corretto e sano senso di sazietà in quanto materia prima ad alto valore energetico, cioè facilmente utilizzabile dall’organismo per ricavarne energia, che nei cibi industriali “light” viene a mancare peggiorando il quadro di una fame nervosa.

I grassi costituiscono la struttura fondamentale del cervello e del sistema nervoso, per cui tutte le funzioni mentali e del sistema nervoso risentono gravemente della loro mancanza! Queste strutture hanno difficoltà nel ricostituirsi se manca la materia prima di cui sono fatti. Di conseguenza l’irritabilità, una riduzione della memoria e tutta una serie di altri disturbi nervosi, sono causati molto spesso proprio da un’eccessiva e scorretta riduzione di grassi nella dieta.

Non dimentichiamoci inoltre che anche i nostri ormoni si formano a partire dai grassi e dalle proteine, questo spiega l’amenorrea nelle donne che non si nutrono a sufficienza.

Infine non spaventiamoci se notiamo alti livelli di colesterolo nei casi di fame nervosa. In questa situazione infatti la mancanza di nutrienti fondamentali porta l’organismo sotto stress e conseguente infiammazione (causata proprio dalla denutrizione organica), situazione nella quale il fegato inizia a produrre più colesterolo per necessità biologica.

di Diana Gallone

Devi essere loggato per lasciare un commento.